Una legge per i giovani avvocati “sanspapier”

Dopo la legge 81 per i lavoratori autonomi, il 28 giugno alla Camera abbiamo presentato una proposta che prosegue sulla strada dell’estensione delle tutele e dei diritti a tutti i lavoratori. Si tratta di prevedere la compatibilità della professione di avvocato con il lavoro dipendente, per mettere fine a una situazione di grande difficoltà dei giovani avvocati costretti a lavorare a partita IVA negli studi legali altrui, fatturando poco o niente, senza i diritti del lavoro dipendente e senza i pregi del lavoro autonomo. Non esistono altre categorie professionali in Italia per cui il lavoro dipendente sia vietato, e non esiste nemmeno nei paesi europei più vicini al nostro sistema giuridico.
Sono 84.000 gli avvocati italiani che a causa di questo meccanismo dichiarano meno di 10.000 € all’anno. Sono spesso giovani e giovanissimi, che dopo un lungo percorso di studi si ritrovano in un panorama lavorativo ingessato e che mette, questo sì, a rischio la loro indipendenza, a partire da quella economica.
La nostra proposta di legge, costruita con tante associazioni, vuole essere il punto di partenza per un dibattito parlamentare che raccolga tutti i punti di vista. Dopo la conferenza stampa ho già letto tanti commenti positivi e trasversali: lavoreremo tutti insieme per riuscire a discutere il testo il prima possibile.

Submit a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *