Tag Archives: welfare

21/11 IL MINISTRO DEL LAVORO GIULIANO POLETTI A CUNEO

poletti_2

Il Ministro del Lavoro e delle politiche sociali incontra a Cuneo la cittadinanza, per parlare dell’innovazione delle imprese, del rilancio dell’occupazione e del futuro delle pensioni a partire dalla prossima legge di Bilancio. Appuntamento alle 21 al Centro Incontri della Provincia. Vi aspetto!

Educatori: nuova legge per valorizzare la professione

Approvata alla Camera la legge che regolamenta la figura dell’educatore. Obiettivo: dare pieno riconoscimento, assicurare equità e mettere ordine in una realtà molto variegata, che impiega circa 200.000 persone. Chi come me conosce bene gli ambiti educativi sociali e sanitari sa che questi sono cruciali per il welfare e lo sviluppo sociale: per questo è e sarà sempre più necessario un alto profilo professionale.
Dentro la giungla di titoli, infatti, già oggi si nascondono ingiustizie e disparità, a fronte di una normativa in materia complessa e a volte contraddittoria, ormai inadeguata ai tempi. Per accedere alle professioni educative, il riferimento sarà ora la laurea triennale, che avrà valore europeo.
Si definiranno così tre figure professionali: educatore socio-pedagogico, educatore professionale socio-sanitario e Pedagogista. Ovviamente, ci saranno norme transitorie per il passaggio dalla situazione attuale, tra cui ad esempio un tempo e un percorso formativo privilegiato per non danneggiare chi già lavora senza laurea, riconoscendo il lavoro svolto come competenza formativa acquisita. Inoltre, per coloro che lavorano da molti anni sarà possibile un’equiparazione anche senza conseguimento della qualifica. Insomma, un passo importante che permetterà una sempre maggiore qualità e riconoscimento dell’importante apporto nei settori dell’educazione formale ma anche di quella informale e non formale, nei luoghi molteplici della famiglia, delle carceri, della disabilità, dell’immigrazione, delle comunità territoriali. La legge si è arricchita nel corso dell’esame del contributo di associazioni di educatori, pedagogisti e non solo.
Per chi volesse approfondire, abbiamo preparato un dossier. (file pdf)

“DOPO DI NOI” PER DISABILI E FAMIGLIE: FINALMENTE E’ LEGGE!

La Camera ha approvato in via definitiva la legge su “Dopo di noi”. Le persone disabili potranno ora contare su continuità della cura, assistenza e qualità di vita anche dopo la morte dei genitori. Una vera rivoluzione nelle politiche sociali che prevede politiche di aiuto concreto e misure integrate: il disabile sarà così al centro di un progetto individuale che parte con la progressiva presa in carico già durante la vita dei genitori e con il suo pieno coinvolgimento nelle scelte di vita. Un traguardo importante verso un welfare più moderno, che colma una lacuna e restituisce serenità, autonomia e inclusione sociale. Una legge nata dal basso e dalle esperienze concrete: ne avevamo parlato a Borgo San Dalmazzo poche settimane fa, raccogliendo tante testimonianze e sollecitazioni a fare presto.
Ora, sono felice che tutto questo, dopo tanto lavoro, sia realtà.

Ecco le principali novità che introduce la legge:

  • la cancellazione dell’imposta di successione e donazione per i genitori, ad esempio per la casa di proprietà;
  • la riduzione di aliquote e franchigie e le esenzioni per l’imposta municipale sugli immobili; l’innalzamento dei parametri sulla deducibilità per le erogazioni liberali e le donazioni;
  • la detraibilità delle spese per le polizze assicurative, con l’incremento da 530 a 750 euro della detraibilità dei premi per le assicurazioni sul rischio morte.
  • l’istituzione presso il  ministero del Lavoro del Fondo per l’assistenza alle persone con disabilità grave prive del sostegno familiare, con una dotazione di 90 milioni di euro per quest’anno, 38,3 milioni per il 2017 e 56,1 milioni annui dal 2018 in poi.
  • l’introduzione dell’istituto giuridico del trust, per salvaguardare il patrimonio da utilizzare per il figlio;

Con quattro linee guida a supporto di: soluzioni abitative o gruppi-appartamento che riproducano le condizioni della casa familiare; interventi per la permanenza temporanea in una soluzione abitativa extrafamiliare per far fronte a eventuali situazioni di emergenza; forme innovative di residenzialità, come le soluzioni alloggiative di tipo familiare e di co-housing, con sostegno al pagamento degli oneri di acquisto, locazione, ristrutturazione, e alle forme di mutuo aiuto; accrescimento di consapevolezza, abilitazione e sviluppo delle competenze per una gestione autonoma della vita quotidiana.

14/05 a Borgo San Dalmazzo: “Dopo di noi” e il welfare, vicino alle persone

2016.05.14_incontrowelfare_sito

Lo scorso febbraio, alla Camera abbiamo approvato in prima lettura la proposta di legge sul “Dopo di noi”. Abbiamo organizzato un incontro a Borgo San Dalmazzo sabato 14 maggio alle 9.30, presso la Biblioteca Civica “Anna Frank” in Via Boves n° 4 [vedi mappa] in cui partiremo da qui per ragionare delle misure “Per un welfare vicino alle persone” e della riforma del Terzo Settore. Interverranno il Sindaco Gian Paolo Beretta, l’assessore comunale al sociale Luisa Giorda e l’Assessore alle Politiche sociali della Regione Piemonte. Conclude la mattinata l’On. Donata Lenzi, capogruppo in Commissione Affari Sociali della Camera.
La legge sul “Dopo di noi” è importante perché intende venire incontro al desiderio dei genitori di persone disabili di assicurare al proprio figlio o figlia tutte le cure e l’assistenza di cui necessita dopo la loro morte. L’obiettivo è dare certezza a quei progetti di vita costruiti negli anni, finora realizzati soprattuto grazie agli sforzi delle famiglie. Quando verrà approvata definitivamente, questa legge potrà contribuire ad assicurare alle persone con disabilità una continuità nella qualità di vita anche dopo la scomparsa dei cari che si prendono cura di loro.
E’ solo un pezzo della piccola rivoluzione copernicana nelle politiche sociali che stiamo provando a mettere in campo per favorire il benessere, l’inclusione sociale e l’autonomia delle persone con disabilità. Insieme a questo, viaggia l’impegno per garantire le migliori condizioni di lavoro agli operatori del Terzo Settore, di cui si occupa l’attesa riforma oggi in discussione in Parlamento.
Da qui, vogliamo quindi partire per ragionare su come portare avanti a tutti i livelli un nuovo welfare più vicino alle persone e più inclusivo. Insieme al Comune di Borgo, abbiamo quindi voluto organizzare una mattina di approfondimento e condivisione tra amministrazioni e realtà attive sul territorio, certi che solo partendo dal dialogo le norme che possano tradursi in cambiamento vero per le persone.

1 aprile: La Cassa Integrazione: che cos’é, come funziona, chi la finanzia, come si può riformare

Incontro promosso dall’Associazione Lavoro&Welfareche si terrà a Roma, martedì 1 aprile 2014 alle ore 18.00 presso la Sede Nazionale PD, Via Sant’Andrea delle Fratte, 16. [vedi mappa]

Presiede: Chiara Gribaudo
Introduce: Giancarlo Battistelli
Interventi: Mauro Nori, Pier Angelo Albini, Nicola Marongiu, Gianfranco Simoncini, Valerio Speziale, Davide Faraone, Teresa Bellanova
Conclude: Cesare Damiano