Tag Archives: sociale

Contrasto alla povertà: i contenuti della legge delega

La Camera dei deputati ha approvato, in prima lettura, l’importante delega con norme relative al contrasto della povertà, al riordino delle prestazioni e al sistema degli interventi e dei servizi sociali. Si tratta di un provvedimento collegato alla legge di stabilità 2016 che avvia un intervento strutturale di contrasto alla povertà, con risorse la cui entità non è mai stata stanziata a tale scopo: è la prima volta nel nostro Paese che in un piano di lotta alla
povertà c’è un capitolo di spesa permanente nel bilancio dello Stato che prevede, intanto,
un miliardo di euro ogni anno. Per approfondire, abbiamo preparato un dossier.

“DOPO DI NOI” PER DISABILI E FAMIGLIE: FINALMENTE E’ LEGGE!

La Camera ha approvato in via definitiva la legge su “Dopo di noi”. Le persone disabili potranno ora contare su continuità della cura, assistenza e qualità di vita anche dopo la morte dei genitori. Una vera rivoluzione nelle politiche sociali che prevede politiche di aiuto concreto e misure integrate: il disabile sarà così al centro di un progetto individuale che parte con la progressiva presa in carico già durante la vita dei genitori e con il suo pieno coinvolgimento nelle scelte di vita. Un traguardo importante verso un welfare più moderno, che colma una lacuna e restituisce serenità, autonomia e inclusione sociale. Una legge nata dal basso e dalle esperienze concrete: ne avevamo parlato a Borgo San Dalmazzo poche settimane fa, raccogliendo tante testimonianze e sollecitazioni a fare presto.
Ora, sono felice che tutto questo, dopo tanto lavoro, sia realtà.

Ecco le principali novità che introduce la legge:

  • la cancellazione dell’imposta di successione e donazione per i genitori, ad esempio per la casa di proprietà;
  • la riduzione di aliquote e franchigie e le esenzioni per l’imposta municipale sugli immobili; l’innalzamento dei parametri sulla deducibilità per le erogazioni liberali e le donazioni;
  • la detraibilità delle spese per le polizze assicurative, con l’incremento da 530 a 750 euro della detraibilità dei premi per le assicurazioni sul rischio morte.
  • l’istituzione presso il  ministero del Lavoro del Fondo per l’assistenza alle persone con disabilità grave prive del sostegno familiare, con una dotazione di 90 milioni di euro per quest’anno, 38,3 milioni per il 2017 e 56,1 milioni annui dal 2018 in poi.
  • l’introduzione dell’istituto giuridico del trust, per salvaguardare il patrimonio da utilizzare per il figlio;

Con quattro linee guida a supporto di: soluzioni abitative o gruppi-appartamento che riproducano le condizioni della casa familiare; interventi per la permanenza temporanea in una soluzione abitativa extrafamiliare per far fronte a eventuali situazioni di emergenza; forme innovative di residenzialità, come le soluzioni alloggiative di tipo familiare e di co-housing, con sostegno al pagamento degli oneri di acquisto, locazione, ristrutturazione, e alle forme di mutuo aiuto; accrescimento di consapevolezza, abilitazione e sviluppo delle competenze per una gestione autonoma della vita quotidiana.

Importante riforma del Terzo Settore, “secondo” a nessuno

La Camera ha approvato definitivamente la legge delega per la riforma del terzo settore. Si tratta di un provvedimento di portata storica, atteso da anni dalle migliaia di volontari, di associazioni, cooperative e imprese sociali che costituiscono l’universo del cosiddetto “terzo settore”. Un settore che rappresenta una risorsa vitale della società italiana e che, con questa riforma, potrà esprimere al meglio il suo straordinario serbatoio di energie di gratuità e partecipazione civica, aiutandoci a costruire coesione sociale e buona economia.  Leggi tutto

Assemblea Astra: lotta al dumping sociale che minaccia aziende e lavoratori

Domenica 19 si è svolta a Marene l’importante assemblea annuale dell’ASTRA, l’associazione degli autotrasportatori. E’ stata l’occasione per tornare insieme su una importante questione già affrontata con le parti sociali in un momento di approfondimento l’estate scorsa, e su cui abbiamo continuato a confrontarci in questi mesi: il dumping sociale generato dalla cattiva pratica di alcune aziende, che sfruttano il distacco intracomunitario dei lavoratori nell’UE per abbattere i costi.
In questo modo, le imprese scorrette non solo vanno contro lo spirito originario dei trattati e dell’unificazione economica europea, ma anche contro la leale concorrenza. La categoria dei trasporti oggi sperimenta in modo particolare, e forse per prima con queste dimensioni, gli esiti di una costruzione europea incompleta. Qualche segnale di reazione dall’Europa sembra arrivare, con direttive e dichiarazioni dei leader. Ma serve fare di più, anche nel nostro Paese per quanto consentito dalle leggi nazionali. Questo a per tutelare in primis i lavoratori europei, per i quali non ci può essere uno scambio al ribasso tra tutele di serie A e di serie B, giocando su standard diversi nei diversi paesi. E poi delle aziende sane e oneste, che competono perché lavorano bene, non facendo le furbe. Credo che come parlamentari del territorio possiamo svolgere in questo una utile azione di raccordo, nelle commissioni parlamentari competenti, e ho preso l’impegno di sollecitare in questo senso il neo Ministro Delrio, che credo sarà un interlocutore sensibile al tema.

Contrasto alla povertà e all’esclusione sociale

Qui (file pdf) è possibile leggere un dossier riassuntivo sulle misure di contrasto alla povertà e all’esclusione sociale.

Disposizioni in materia di agricoltura sociale

Qui (file pdf) è possibile consultare un dossier sulle “Disposizioni in materia di agricoltura sociale”: il testo unificato della proposte di legge AC 303 Fiorio, AC 760 Russo, AC 903 Bordo, AC 1019 Zaccagnini e AC 1020 Schullian, approvato dalla Camera il 15 luglio 2014 in prima lettura ed ora all’esame del Senato, che ha come finalità la promozione dell’agricoltura sociale nell’ambito di una visione multifunzionale dell’impresa agricola, chiamata a fornire anche servizi socio-sanitari nelle aree rurali.