Tag Archives: riforma PA

27/11 a Mondovì: la riforma della PA per “un Paese più semplice”

PD RIFORMA PA

Questo venerdì sarò a Mondovì per incontrare i cittadini e gli amministratori, e presentare i punti salienti della riforma della Pubblica Amministrazione.

Semplificare la vita dei cittadini, aiutare le imprese, tagliare gli sprechi e migliorare i servizi: questi i principali obiettivi di uno dei provvedimenti fra i più importanti perseguito dal Governo negli ultimi mesi.

Le nuove norme mirano infatti alla semplificazione delle procedure, a snellire i carichi burocratici che troppo spesso ostacolano l’iniziativa economica e la “normale” vita quotidiana potenziando la trasparenza ed i servizi offerti.

L’iniziativa è promossa dal Circolo del Partito Democratico di Mondovì e dalla Segreteria Provinciale del PD nell’ambito delle serate delle Festa dell’Unità itinerante, che nelle ultime settimane ha realizzato diversi appuntamenti in varie città della provincia: Savigliano, Bra, Cuneo, ed ora nel centro monregalese.

Appuntamento quindi venerdì 27 novembre alle ore 18 a Mondovì, nella Sala Comunale delle Conferenze in Corso Statuto.

Jobs Act, decreto semplificazioni e pari opportunità: ok con osservazioni al Governo su disabili e controlli a distanza

La Commissione lavoro della Camera ha espresso parere favorevole sul decreto attuativo del Jobs Act per le semplificazioni e pari opportunità. Formulando un giudizio sostanzialmente positivo, abbiamo suggerito al Governo di rivedere alcune parti del provvedimento, proprio al fine di migliorarne la formulazione e l’efficacia, specie per il collocamento mirato delle persone con disabilità (chiamata nominativa sotto i 50 dipendenti per favorire un vero inserimento lavorativo) e dei controlli a distanza (no all’uso di impianti audiovideo, sui nuovi impianti fondamentale l’informazione dei lavoratori).
Sul tema della disabilità, per chi fosse interessato, qui una mia intervista per superabile.it
Leggi tutto

Ok alla riforma PA. Alla Camera, quasi unanimità sull’emendamento per la consulta disabili

Con l’ok ricevuto anche dal Senato, il testo della riforma della Pubblica Amministrazione già approvato a Montecitorio è legge. Si apre ora la fase dei decreti attuativi che, secondo le rassicurazioni del Ministro Madia, dovrebbe concludersi entro l’anno. Nell’esame alla Camera, era stato votato alla quasi all’unanimità l’emendamento che ho presentato come prima firmataria, con cui si definisce la nuova Consulta nazionale per i disabili con il compito di operare sull’importante versante dell’integrazione attraverso il lavoro.
Per i contenuti principali della riforma, qui è possibile consultare un breve riassunto e la scheda di approfondimento.
Leggi tutto

Riforma della Pubblica Amministrazione: più efficienza, trasparenza e meno burocrazia

La Camera ha approvato la riforma della Pubblica Amministrazione che segue, a distanza di un anno, l’approvazione del decreto legge sulla pubblica amministrazione, contenente le norme più urgenti e immediatamente applicabili, e una consultazione pubblica che ha permesso un confronto reale, frutto di un metodo di lavoro coesivo e partecipativo, con gli attori coinvolti.
Qui (file pdf) è possibile consultare un dossier riepilogativo.

Ok riforma PA, quasi all’unanimità su emendamento Gribaudo per la consulta disabili: “innovazione importante, più integrazione col lavoro”

Quest’oggi, la Camera ha dato l’ok alla riforma della Pubblica Amministrazione. Nella serata di ieri, tra gli emendamenti più significativi, l’aula di Montecitorio aveva approvato quasi all’unanimità quello proposto dalla deputata cuneese Chiara Gribaudo, che definisce la nuova Consulta nazionale per i disabili con il compito di operare sull’importante versante dell’integrazione attraverso il lavoro. Leggi tutto

Contenuti principali della riforma della Pubblica Amministrazione

La riforma è molto articolata e molto estesa.
. Una rivoluzione digitale nell’erogazione dei servizi. Un diritto dei cittadini diventa un dovere per le amministrazioni. Basta un click per richiedere e ricevere documenti. Accesso a qualunque servizio online con un solo Pin.
. Silenzio assenso tra le amministrazioni e con i cittadini. Stop ai ritardi sulle richieste. Regole certe per avviare un’attività.
. Trasparenza: la migliore politica contro la corruzione a costo zero. Si sciolgono i nodi della burocrazia: risparmio, qualità dei servizi, controllo sociale contro il malaffare.
. Riorganizzazione dell’Amministrazione dello Stato: politiche pubbliche più coordinate e valutazioni per decisioni più rapide. Eliminazione delle duplicazioni, forme più snelle di funzionamento. Gestione associata dei servizi delle Forze di Polizia. Accorpati PRA e Motorizzazioni (documento unico di circolazione e proprietà dei veicoli)
.Riforma delle Camere di commercio: nuova mission e più efficienza. Più sostegno concreto alle imprese. Costi ridotti grazie ad una razionalizzazione della presenza sul territorio (riduzione da 105 ad un massimo di 60 Camere in tutta Italia).
. Enti di ricerca pubblici più efficienti ed europei: meno burocrazia per la ricerca, maggiore flessibilità nella gestione delle risorse, regole più semplici. Definizione del ruolo dei ricercatori nel rispetto della Carta europea.
. Maggiore flessibilità organizzativa per garantire una migliore conciliazione tra vita e lavoro. Incentivi per modelli organizzativi che favoriscano il lavoro remoto, lo smart-working e il co-working.
. Dirigenti licenziabili se valutati negativamente, potranno sennò optare per il dimensionamento. Gli incarichi avranno un tempo 4+2 anni, e non più a vita. Revoca in caso di condanna della Corte dei Conti.
. Bacino unico sempre per i dirigenti è previsto un solo ruolo (diviso su tre livelli: statale, regionale, locale) senza più distinzione tra prima e seconda fascia.
. Segretario comunale la figura viene superata. Gli enti locali dovranno nominare un dirigente apicale con compiti di attuazione dell’indirizzo politico, coordinamento dell’attività amministrativa e controllo della legalità dell’azione amministrativa.
. Nei concorsi, superato il voto minimo di laurea per dare più importanza alla valutazione che avviene in sede di concorso. Le prove prevederanno sempre un test di inglese.
. Assenze e controlli all’INPS le funzioni di controllo e le risorse connesse passano dalle Asl all’Inps per meglio combattere le finte malattie
. Forte riduzione del numero delle Società Partecipate: razionalizzazione del sistema delle partecipazioni pubbliche. Rafforzamento dei criteri pubblicistici nella gestione: tetto alle retribuzioni e trasparenza.
. Corpo Forestale verrà assorbito in un’altra forza (con tutta probabilità i Carabinieri), così da portare i corpi da 5 a 4. Si prevede inoltre un riordino di tutte le forze.
. Nasce la Consulta per l’integrazione dei lavoratori disabili con un carattere molto operativo; è composta dai rappresentanti delle amministrazioni pubbliche centrali e locali, dai sindacati maggiormente rappresentativi e dalle associazioni di categoria
. Organizzazione e gestione dei servizi pubblici: incentivi e premi a enti locali che scelgono di aggregare attività di gestione per favorire efficienza e risparmio. Tariffari che tengano conto di produttività per ridurre aggravio su cittadini e imprese. Maggiore trasparenza nei contratti di servizio. Strumenti di rilevazione e obbligo di standard di qualità nazionali.
. Pensionati PA Il tetto di un anno varrà solo per i ruoli direttivi. Le altre cariche sono comunque consentite, resta comunque il vincolo della gratuità. (Una misura che viene incontro alle esigenze specie delle piccole amministrazioni dove i pensionati sono un aiuto importante in termini di numeri e di esperienza).