Tag Archives: Renzi

Newsletter marzo 2017

Care e cari,
marzo è il mese della primavera. I pittori lo hanno dipinto per secoli come un mese di risveglio. Sarà anche per questo che si è trattato di un mese così denso di politica, che sembra essere finalmente uscita dal torpore delle polemiche dei mesi scorsi. È iniziato il congresso del PD, e questo per me, per tanti iscritti al PD e anche per gli elettori del centrosinistra, ha significato tornare finalmente a discutere di progetti e proposte per il futuro dell’Italia. Ognuno con il suo punto di vista e la sua storia personale, tutte degne di pari valore.
Io ho scelto, fin dall’appuntamento del Lingotto, di impegnarmi in prima persona per uno spazio politico più condiviso all’interno del Partito Democratico, che marcasse una differenza rispetto alle divisioni sterili degli ultimi mesi.
Ho scelto di sostenere la candidatura [leggi] di Matteo Renzi, che condividendo la sua sfida con Maurizio Martina ha dato inizio ad un cambio di passo nel Partito e nell’idea di Paese, che parte necessariamente dal lavoro di questi anni, con i suoi grandi risultati per i diritti e contro le disuguaglianze, e con il riconoscimento degli errori e delle imperfezioni da correggere.
In questo nuovo percorso sarà necessario rappresentare prima di tutti le istanze dei più deboli e i più colpiti dalla crisi, a partire dai giovani. Si tratta di raccogliere quei messaggi, lontani nello spazio ma vicini negli ideali, arrivati dalle tre piazze del 25 marzo.
Mentre in Campidoglio i leader europei si riunivano per firmare la Dichiarazione di intenti per i 60 anni dei Trattati di Roma [leggi], nella capitale italiana i giovani venuti da tutta Europa marciavano per chiedere più coraggio verso un’Unione veramente democratica, inclusiva e solidale, che sappia affrontare le sfide del presente e del futuro.
Nelle stesse ore, a Londra, in 100.000 hanno sfilato contro la Brexit, contro questa insensata divisione generata soltanto dalla paura e dalle falsità. E a Monza, in Lombardia, di fronte a Papa Francesco si sono radunati un milione di fedeli per ascoltare la sua parola di pace e di fratellanza, contro chi specula sulla vita, sul lavoro, sulla famiglia. “Si specula sui poveri e sui migranti; si specula sui giovani e sul loro futuro”, ha detto Papa Francesco.
Sono questi i messaggi che voglio raccogliere alla fine di questo mese complesso ma bello.
Sto cercando di dare il mio contributo e vorrei che mi deste i vostri, anche rispetto alle proposte per il congresso del PD. Li aspetto, a conchiaragribaudo@gmail.com e nelle prossime iniziative in vista delle primarie del 30 aprile. Perché solo dalla condivisione e dal confronto può nascere una visione di futuro e di speranza, per il PD e per l’Italia.

Qui è possibile leggere la newsletter completa

Newsletter settembre

Care tutte, cari tutti,
si è da poco svolto il primo confronto tra Donald Trump e Hillary Clinton. La differenza si è vista non solo nello stile, ma naturalmente nella grande conoscenza dei dossier internazionali e di politica economica, espressa con autorevolezza, serietà e determinazione. Il voto è ancora lontano, ma in questa occasione ha iniziato a dimostrare di poter essere davvero – dopo la prima candidata donna – anche il primo presidente donna degli Stati Uniti.
Il dibattito ha seguito di qualche giorno l’ultimo discorso di Barack Obama di fronte all’Assemblea delle Nazioni Unite. Oltre all’interesse giornalistico, non possiamo dimenticare la rilevanza che il cambio di inquilino alla Casa Bianca avrà anche su uno scenario mondiale attraversato da profonde fratture.
Obama ha provato a lasciare davanti ai delegati ONU – e forse al suo successore – l’ultima impronta della sua presidenza. Lo ha fatto con alcuni messaggi forti. Tra questi, in primis la necessità di cambiare la globalizzazione: una affermazione non da poco per il leader di una superpotenza globale. Tra gli imperativi, colmare il gap tra ricchi e poveri, proprio per far funzionare meglio le economie. Ma anche di dire no ai nazionalismi e ai populismi, no al razzismo e all’intolleranza, fare di più per tutelare le minoranze (come quelle atterrite dall’Isis), aiutare chi scappa: “dobbiamo aprire i nostri cuori per accogliere i rifugiati nelle nostre case”.
“Un Paese circondato dai muri – ha aggiunto – imprigionerebbe sè stesso”. Il riferimento è al muro che Trump vorrebbe costruire con il Messico per bloccare i migranti. Ma noi non possiamo che trovare un’eco in quanto anche l’Italia sta dicendo, nelle sedi europee ed internazionali, di fronte al dramma dei migranti. Ha fatto bene il presidente del Consiglio Renzi a definirlo un discorso storico, contro la paura.
Otto anni fa, l’elezione a Presidente USA di un uomo nero di origini keniote, cresciuto per un po’ in Indonesia, fu un evento rivoluzionario per l’immaginario di tutti, impensabile solo qualche decennio prima.
Chissà. Forse, dopo l’8 novembre, le molte donne che ancora vengono considerate meno “adatte” a ruoli di responsabilità, nella politica come nel lavoro, potranno avere un esempio in più che, con preparazione e determinazione, il “soffitto di vetro” può essere infranto.
Chiara

Qui è possibile leggere la newsletter completa

Matteo Renzi a Cuneo

Domani, mercoledì 14 settembre, il Presidente del Consiglio Matteo Renzi sarà nella provincia “Granda”.
Alle 17.30, presso il teatro Toselli di Cuneo [vedi mappa], incontrerà la cittadinanza in vista del prossimo referendum costituzionale.
Proprio qui, nella città Medaglia d’Oro della Resistenza, questa occasione assume un valore e un significato particolare.
Il lavoro parlamentare sulle Riforme è durato più di due anni, ereditando un dibattito ben più antico. Ora, l’ultima parola tocca interamente al popolo.
Centrali sono i contenuti: un disegno unitario che può concretamente migliorare non solo la vita democratica ma anche la vita quotidiana dei cittadini. Sono loro, davvero, gli unici protagonisti.
Per questo, nella provincia patria della Resistenza da cui la Costituzione del ’48 è nata, la visita del Presidente del Consiglio è una irripetibile occasione. Lo è per ribadire che il legame tra la nostra migliore Memoria, il presente e il futuro del nostro Paese è, e resterà, inscalfibile.
Sosteniamo convintamente questa riforma proprio perché vogliamo bene alla Costituzione scritta dai Partigiani, e desideriamo ardentemente che i principi sanciti nella Prima Parte – che non viene toccata – facciano un passo avanti, con le nostre gambe, e ritrovino la capacità di incidere nel mondo di oggi. E’ nostro compito e responsabilità mettere in campo gli strumenti affinché lo spirito dei Padri e delle Madri Costituenti possa rivivere nelle delle aspettative e nei bisogni degli italiani. Quelli di oggi e quelli di domani.
Per questo, vi invito calorosamente a partecipare all’incontro di domani.
Vi aspetto!

(L’ingresso al teatro sarà aperto dalle ore 16.30, fino ad esaurimento posti.)

Il Governo presenta la Legge di Stabilità 2016

Il Presidente del Consiglio Renzi e il Ministro dell’Economia Padoan hanno presentato, nel corso di una Conferenza stampa tenuta al termine del Consiglio dei Ministri del 15 ottobre, le linee guida e le principali misure contenute nella Legge di Stabilità 2016.
Qui (file pdf) è possibile consultare un breve dossier riepilogativo.

09 marzo, Saluzzo: il ruolo dei cattolici in politica. Tra cambiamento, rinnovamento e modernità.

2015.03.09_Il ruolo dei cattolici in politica

L’incontro si terrà lunedì 9 marzo, alle 21, presso la Caserma Mario Musso nel Salone degli specchi [mappa].
Interverranno Giorgio Merlo (autore del libro “Renzi e la classe dirigente”), Mauro Calderoni (Sindaco di Saluzzo), Davide Gariglio (Segretario Regionale PD), Chiara Gribaudo (Deputata) e Alberto Valmaggia (Assessore Regionale all’Ambiente, Urbanistica, Programmazione territoriale e paesaggistica, Sviluppo della montagna, Foreste, Parchi, Protezione Civile).

Programma della Presidenza Italiana del Consiglio dell’Unione Europea

Qui (file pdf) è possibile consultare il Programma della Presidenza Italiana del Consiglio dell’Unione Europea, presentato lo scorso 2 luglio, in occasione dell’intervento del Presidente del Consiglio Renzi al Parlamento Europeo.

Carceri: anche il Consiglio d’Europa promuove il Governo Renzi e il Ministro Orlando. La Strada è giusta, ora proseguire nel senso di civiltà ed Umanità

«Spesso si dice che il grado di civiltà di una nazione si vede da come tratta chi sbaglia. Il grado di responsabilità di una classe dirigente si vede invece da come riconosce gli errori del passato, e sa imboccare con rapidità ed efficacia una nuova strada. E’ quello che il Governo Renzi e il Ministro Orlando hanno fatto in questi primi mesi, incassando oggi il giudizio positivo del Consiglio d’Europa» ha commentato l’On. Chiara Gribaudo (PD).

«In passato, la Corte non aveva esitato a denunciare la situazione disumana delle nostre carceri, fino alla condanna dell’anno scorso. Una denuncia che, insieme alle numerose altre giunte dal Capo dello Stato, erano state scarsamente ascoltate. Il riconoscimento dei “significativi progressi” che arriva oggi non è la conclusione del problema, ma una conferma che la strada imboccata dal Governo e dal Ministro è quella giusta. Uno stimolo quindi a proseguire con ancora più determinazione per mettere fine a questa situazione e riconquistare al nostro Paese il grado di civiltà ed umanità che gli spetta.»

12 aprile: Matteo Renzi a Torino con Sergio Chiamparino

Sabato mattina 12 aprile, alle 10:30 al PALAISOZAKi – corso Sebastopoli 123 [vedi mappa] Torino il Presidente del Consiglio Matteo Renzi sarà a Torino con Sergio Chiamparino (candidato Presidente della Regione Piemonte) per il lancio della campagna elettorale nazionale del Partito Democratico.