Tag Archives: proposte di legge

Disabili e burocrazia: via alla campagna nazionale

Il nostro Paese, purtroppo, spesso è un generatore di frustrazioni per chi ha una disabilità. Alle difficoltà della propria condizione, si sommano infatti quelle del tutto immotivate della burocrazia. Spesso una Via Crucis, per cui abbiamo voluto lanciare una campagna nazionale con due finalità.
Leggi tutto

Con Piattaforma Europea, migliore lotta contro il lavoro sommerso: indispensabile per la ripresa ed obiettivi EU-2020

La proposta di decisione di cui oggi avviamo l’esame alla Camera intende mettere in campo nuovi strumenti per la prevenzione e il contrasto del lavoro sommerso, istituendo una specifica Piattaforma composta dalle Autorità nazionali degli Stati membri e dalla Commissione. Sarà così possibile rendere più stretto il coordinamento tra questi organi e più efficace la loro azione” ha dichiarato l’on. Chiara Gribaudo, relatrice in Commissione Lavoro del provvedimento, nel suo intervento iniziale.

Quello del lavoro sommerso è un fenomeno variabilmente diffuso in Europa, che determina gravi distorsioni nel welfare e nella concorrenza, incidendo in modo molto negativo sui diritti dei lavoratori e sull’economia nel suo complesso. In Italia nel 2011, secondo i dati ISTAT, ben il 12% dei posti di lavoro non era dichiarato e, secondo le stime riprese dalla Corte dei Conti, l’economia sommersa nel nostro Paese ammonterebbe a circa il 21% del PIL, ai livelli più alti nella UE-17.

La lotta al lavoro sommerso è allora un mezzo indispensabile per stimolare la ripresa quale fonte di nuova e buona occupazione: con la Piattaforma, avremo uno strumento in più per perseguire gli ambiziosi obiettivi della Strategia Europa 2020” ha concluso l’on. Gribaudo.

9 giugno: presentazione della proposta di Statuto delle Attività Professionali

L’incontro si terrà lunedì 9 giugno alle ore 17.30 a Roma in via della Mercede, 55 [vedi mappa]
La proposta di legge sarà presentata dai parlamentari del PD: On. Cesare Damiano, On. Stefano Fassina, On. Alessia Rotta, On. Chiara Gribaudo.
Sono previsti interventi di Emiliana Alessandrucci (presidente COLAP), Angelo Deiana (presidente Confassociazioni), Andrea Dili (Alta Partecipazione).
Sono stati invitati Marianna Madia, ministro della Funzione Pubblica, Claudio De Vincenti, viceministro Sviluppo Economico, Teresa Bellanova, sottosegretario al Ministero del Lavoro, e Anna Maria Parente, capogruppo PD in Commissione Lavoro al Senato.
Moderano Giorgia D’Errico e Federico Nastasi.
Nella corso del dibattito si darà spazio agli interventi delle Associazioni.

9 maggio: Lavoro? L’occupazione in Piemonte fra emergenze, diritti, riforme, decreti

L’incontro si terrà venerdì 9 maggio a Torino, presso il Salone ex-Venchi Unica, Via De Sanctis 12 (metro Massaua). [vedi mappa]

Interventi e proposte di Antonio Boccuzzi, deputato e membro della Commissione Lavoro della Camera dei Deputati, Chiara Gribaudo, deputato e membro della Commissione Lavoro della Camera dei Deputati, Luca Cassiani, candidato per il Consiglio Regionale del Piemonte e Daniele Viotti, candidato alle Elezioni Europee nel collegio Nord-Ovest.

Voto di scambio: nuove norme rafforzeranno la lotta alla mafia

Le norme che combattono il voto di scambio sono in dirittura d’arrivo. Dopo il grande lavoro fatto alla Camera siamo a un passo dall’approvazione di una norma attesa da vent’anni: martedì prossimo il testo è stato infatti calendarizzato in Commissione Giustizia al Senato, dove dovrebbe ricevere il definitivo via libera. Con le nuove sanzioni e le misure previste si rafforzerà significativamente la lotta alle cosche che fanno del voto di scambio uno strumento di controllo e di indirizzo della cosa pubblica secondo i loro interessi.

Leggi tutto

Equo compenso giornalistico: presentata interrogazione

Nelle scorse newsletter ho dato notizia di un’iniziativa che mi vede prima promotrice in Commissione Lavoro: quella per l’Equo compenso [leggi]Questa norma, che si vuole estendere a tutte le tipologie di lavoro,è già prevista per tutti giornalisti freelance dalla legge n°233/2012. Una decisione della Commissione deputata potrebbe però ora limitare la platea dei beneficiari. Per questo, ho interrogato il Ministro del Lavoro.

Leggi tutto

Un volto (e un ruolo) ai lavoratori della cultura

Alla Camera è stata recentemente approvata la proposta di legge (a prima firma Marianna Madia e Matteo Orfini) che istituisce gli elenchi dei professionisti dei beni culturali. Un settore strategico per il futuro del nostro Paese: basti pensare che secondo il rapporto 2013 Symbola-Unioncamere il settore – pur tra le profonde difficoltà che sappiamo – ha creato 80,8 miliardi di euro di valore aggiunto, pari al 5,8% del Pil. Parafrasando un ex-Ministro potremmo facilmente dire: con la cultura innanzitutto si pensa…ma si mangia pure. Questi professionisti svolgono un lavoro di fondamentale interesse pubblico, poiché presidiano nei fatti quell’articolo 9 della Costituzione, grazie a cui “La Repubblica promuove lo sviluppo della cultura e la ricerca scientifica e tecnica. Tutela il paesaggio e il patrimonio storico e artistico della Nazione”. E’ giunto il momento che sia riconosciuto il loro ruolo lavorativo, economico e culturale, attualmente mortificato da condizioni lavorative difficoltose.

Leggi tutto

#preferiscolepreferenze: “Bene dichiarazioni Renzi, ora il Parlamento trovi una convergenza”

Accogliamo di buon auspicio, e come nuova possibilità, le dichiarazioni del nostro segretario Matteo Renzi che sembra manifestare attenzione ed interesse sull’importanza delle preferenze all’interno del nuovo sistema elettorale che si sta elaborando. Continueremo la nostra ‘battaglia’ politica, il Parlamento – adesso – dovrà trovare una convergenza su questo punto“.
A parlare, come si legge in una nota diffusa dagli stessi, sono i parlamentari di #preferiscolepreferenze che in queste ore hanno animato il dibattito con una petizione on line che ha già raggiunto oltre cinquemila sostenitori.
I deputati Pd Moscatt, Petitti, Ventricelli, Bordo, Ribaudo, Culotta, Bruno Bossio, Gribaudo, Boccuzzi, Paolucci, Zappulla, Albanella, Fabbri, Gregori, Baruffi, Montroni, D’Arienzo, Pagani ed altri, sono convinti che “non si può prescindere dall’esprimere il voto. La petizione, e più completamente questa mobilitazione, non è contro qualcuno, non rappresenta una proposta contro o una controproposta, non è finalizzata a rallentare i percorsi virtuosi avviati, ma serve per qualificarli e renderli quanto più corrispondente ai desideri dei cittadini“.