Tag Archives: precarietà

Alstom Ferroviaria, presentata interrogazione al Governo per chiedere Tavolo Nazionale

Questa mattina, 7 ottobre, la deputata cuneese Chiara Gribaudo ha depositato una interrogazione parlamentare sulla situazione dell’Alstom Ferroviaria di Savigliano.

«Dopo un periodo “espansivo” con le commesse degli scorsi anni, coinciso anche con nuove assunzioni e con interventi di innovazione degli impianti, l’azienda sembra ora trovarsi in una situazione di difficoltà. Gli ammortizzatori sociali per i progettisti, attivati di recente, sono motivo di preoccupazione proprio in ottica futura» ha dichiarato l’on. Gribaudo.

«Quello delle politiche ferroviarie è un settore strategico per il nostro Paese e non significa solo costruire nuove strutture. Ci sono competenze di chi lavora e tecnologie industriali che non possono essere perse, pena un grave impoverimento del nostro tessuto produttivo»

«Per questo, ho voluto portare la questione all’attenzione urgente del Governo chiedendo quali iniziative intenda mettere in campo per salvaguardare l’occupazione dei lavoratori dell’Alstom. Trattandosi di un gruppo multinazionale, credo sia importante che si apra un tavolo a livello dei Ministeri competenti del Lavoro e dello Sviluppo economico, dove le strategie per il futuro possano essere debitamente affrontate con parti sociali e proprietà internazionale» ha concluso l’on. Chiara Gribaudo.

Lettera a La Stampa su art.18

Pubblico anche qui un mio intervento uscito su La Stampa di Cuneo di oggi, domenica 5 ottobre, su riforma del lavoro, articolo 18 e contratti.

2014.10.05_letteraLastampa_art18

Con i lavoratori

Con i lavoratori, non per ideologie del passato, ma per convinzione e perchè credo che in tempi di crisi servono più ammortizzatori sociali, non meno.

Con Piattaforma Europea, migliore lotta contro il lavoro sommerso: indispensabile per la ripresa ed obiettivi EU-2020

La proposta di decisione di cui oggi avviamo l’esame alla Camera intende mettere in campo nuovi strumenti per la prevenzione e il contrasto del lavoro sommerso, istituendo una specifica Piattaforma composta dalle Autorità nazionali degli Stati membri e dalla Commissione. Sarà così possibile rendere più stretto il coordinamento tra questi organi e più efficace la loro azione” ha dichiarato l’on. Chiara Gribaudo, relatrice in Commissione Lavoro del provvedimento, nel suo intervento iniziale.

Quello del lavoro sommerso è un fenomeno variabilmente diffuso in Europa, che determina gravi distorsioni nel welfare e nella concorrenza, incidendo in modo molto negativo sui diritti dei lavoratori e sull’economia nel suo complesso. In Italia nel 2011, secondo i dati ISTAT, ben il 12% dei posti di lavoro non era dichiarato e, secondo le stime riprese dalla Corte dei Conti, l’economia sommersa nel nostro Paese ammonterebbe a circa il 21% del PIL, ai livelli più alti nella UE-17.

La lotta al lavoro sommerso è allora un mezzo indispensabile per stimolare la ripresa quale fonte di nuova e buona occupazione: con la Piattaforma, avremo uno strumento in più per perseguire gli ambiziosi obiettivi della Strategia Europa 2020” ha concluso l’on. Gribaudo.

Un dossier sul Decreto Lavoro

Ecco qui (file pdf) un breve dossier sul Decreto Lavoro, il cosiddetto Decreto Poletti, che contiene disposizioni in materia di lavoro a termine, apprendistato, servizi per il lavoro, verifica della regolarità contributiva e contratti di solidarietà

17 marzo: Another Act. I giovani? Ascoltateli.

Come si dice al sud due “fatti”
Ieri in Calabria a parlare di studio, mobilità sociale al tempo della disoccupazione giovanile.
Si raccolgono in giro paure, speranze, voglia e capacità di reagire e rispondere alla crisi con molte competenze diffuse. Dal nord al sud si sente l’orgoglio e la consapevolezza di quante bellezze naturalistiche e culturali rimangono ancora ad oggi poco valorizzate e non adeguatamente inserite in meccanismi virtuosi di turismo e tutela nel nostro Paese. E al nord come al sud la richiesta di ripartire dai territori per pensare, pianificare e costruire orizzonti lunghi ma con chiarezza per ridare valore allo studio, al lavoro, al Paese.
Altro “fatto”: in viaggio per Roma dove ci attende un’importante confronto sempre sul tema del lavoro e dei lavori per i giovani. Questi percorsi li costruiamo perché sappiamo quanto sia indispensabile oggi “fare” non arretrando però sul punto delle tutele perché di ammortizzatori sociali i giovani (specie le p.iva) non le hanno mai avute. Ora, da questo però non ne abbiamo mai guadagnato né in termini retributivi né di prospettiva per cui, vogliamo tenere alta l’attenzione, in periodo di Jobs Act perché inventare e riscoprire lavori va bene, precarizzarli no.

Vi aspettiamo qui (info, orari etc).

Incontro promosso da Alta Partecipazione, che si terrà a Roma, lunedì 17 marzo 2014 alle ore 17.00 in Via Uffici del Vicario 21 (Gruppo PD Camera), Sala Salvadori.

Pensioni, un decalogo per il presente ed il futuro

Le pensioni saranno il tema su cui di più si misurerà la capacità di mettere in campo un’idea di futuro, ricucendo insieme le generazioni sempre più distanti e tuttavia egualmente minacciate da errori, miopie ed ingiustizie di questi anni. L’obiettivo deve essere quello di tenere insieme la tutela delle pensioni in essere già duramente colpite dalla riforma Fornero, la battaglia contro le eccessive disparità di trattamento e la costruzione di possibilità reale per i giovani – oggi in larga parte precari e con contribuzione, quando va bene, frammentata – di avere una pensione dignitosa. Per fare questo, abbiamo ragionato un decalogo di proposte che possano essere una base concreta e puntuale di discussione: si va da un miglior coordinamento dei sistemi retributivo e contributivo, al problema della flessibilità in uscita e delle ricongiunzioni; dai giovani, con la proposta di Solidarietà Generazionale, agli “esodati”; dall’automatismo delle prestazioni INPS alla governance dell’Istituto; dal problema delle indicizzazioni, specie quelle medio-basse, al contrasto – duro e vero, e non strumentale – alle pensioni d’oro.

Qui (file pdf) trovi il documento integrale sul tema della Previdenza.