Tag Archives: famiglie

“Dopo di noi”, il dossier

La Camera ha approvato in via definitiva la legge su “Dopo di noi”, di cui ho parlato diffusamente nelle scorse settimane. Oltre alla sintesi che potete trovare nella mia ultima newsletter, ecco un dossier riassuntivo delle principali novità introdotte.

“DOPO DI NOI” PER DISABILI E FAMIGLIE: FINALMENTE E’ LEGGE!

La Camera ha approvato in via definitiva la legge su “Dopo di noi”. Le persone disabili potranno ora contare su continuità della cura, assistenza e qualità di vita anche dopo la morte dei genitori. Una vera rivoluzione nelle politiche sociali che prevede politiche di aiuto concreto e misure integrate: il disabile sarà così al centro di un progetto individuale che parte con la progressiva presa in carico già durante la vita dei genitori e con il suo pieno coinvolgimento nelle scelte di vita. Un traguardo importante verso un welfare più moderno, che colma una lacuna e restituisce serenità, autonomia e inclusione sociale. Una legge nata dal basso e dalle esperienze concrete: ne avevamo parlato a Borgo San Dalmazzo poche settimane fa, raccogliendo tante testimonianze e sollecitazioni a fare presto.
Ora, sono felice che tutto questo, dopo tanto lavoro, sia realtà.

Ecco le principali novità che introduce la legge:

  • la cancellazione dell’imposta di successione e donazione per i genitori, ad esempio per la casa di proprietà;
  • la riduzione di aliquote e franchigie e le esenzioni per l’imposta municipale sugli immobili; l’innalzamento dei parametri sulla deducibilità per le erogazioni liberali e le donazioni;
  • la detraibilità delle spese per le polizze assicurative, con l’incremento da 530 a 750 euro della detraibilità dei premi per le assicurazioni sul rischio morte.
  • l’istituzione presso il  ministero del Lavoro del Fondo per l’assistenza alle persone con disabilità grave prive del sostegno familiare, con una dotazione di 90 milioni di euro per quest’anno, 38,3 milioni per il 2017 e 56,1 milioni annui dal 2018 in poi.
  • l’introduzione dell’istituto giuridico del trust, per salvaguardare il patrimonio da utilizzare per il figlio;

Con quattro linee guida a supporto di: soluzioni abitative o gruppi-appartamento che riproducano le condizioni della casa familiare; interventi per la permanenza temporanea in una soluzione abitativa extrafamiliare per far fronte a eventuali situazioni di emergenza; forme innovative di residenzialità, come le soluzioni alloggiative di tipo familiare e di co-housing, con sostegno al pagamento degli oneri di acquisto, locazione, ristrutturazione, e alle forme di mutuo aiuto; accrescimento di consapevolezza, abilitazione e sviluppo delle competenze per una gestione autonoma della vita quotidiana.

Diagnosi e cura delle persone con disturbi dello spettro autistico e assistenza alle famiglie

La proposta di legge AC 2985 è stata approvata in prima lettura dal Senato il 18 marzo scorso. Alla Camera è stata assegnata alla XII Commissione Affari sociali che ha apportato delle modifiche. Il provvedimento torna ora al Senato per l’approvazione definitiva.
Per ulteriori approfondimenti si rimanda all’iter e ai dossier di approfondimento della Camera dei deputati.
Qui (file pdf) è possibile consultare un dossier riepilogativo.

Divorzio breve

Sono passati 40 anni esatti dallo storico voto per introdurre il divorzio. Da allora, certo molte cose sono cambiate. Oggi il nuovo divorzio breve intende salvaguardare le famiglie – e i minori – anche quando le coppie si separano, con procedure più brevi e più semplici.

Leggi tutto

Il Decreto Irpef (80 euro) è legge: Prossimo passaggio nella stabilità. Misure per i comuni. Tagli anche ad IRAP, rendite e P.A. centrale

Il 24 giugno è entrata in vigore, con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, la legge che ha convertito il cosiddetto “decreto Irpef”. La settimana precedente era arrivato alla Camera il via libera definitivo con 342 sì: tra questi, mi ha fatto piacere che siano stati quelli di una parte di Sinistra Ecologia e Libertà. Fra le importanti misure contenute nel decreto, vi era infatti anche l’intervento per gli 80 euro in busta paga, senza dubbio quello con il più importante valore simbolico: dare un primo sostegno reale e concreto ai redditi medio-bassi da lavoro dipendente. Toccherà alla prossima legge di Stabilità completare l’operazione rendendola permanente. Confido che per allora possano rientrare divisioni che sono sembrate un po’ strumentali – tra più o meno “filo-renziani” – e che la sinistra potrà ricompattarsi su questo sostegno alle fasce più deboli, votando insieme senza tatticismi. Ma tornando al decreto, c’è molto di più.

Leggi tutto

Competitività e giustizia sociale: il decreto IRPEF

Qui (file pdf) è possibile leggere un dossier riepilogativo del cosiddetto “decreto IRPEF” che ha come obiettivi la riduzione del cuneo fiscale per famiglie e imprese, il taglio della spesa pubblica (spending review), il pagamento dei debiti certi liquidi ed esigibili vantati dal sistema delle imprese nei confronti della Pubblica Amministrazione.